Passa ai contenuti principali

MOSTRA INTERNAZIONALE DI DISEGNO E PITTURA “NEL SEGNO DI HERMES” 21 marzo - Firenze


MOSTRA INTERNAZIONALE DI DISEGNO E PITTURA “NEL SEGNO DI HERMES”
Viene inaugurata il 21 marzo al Lyceum Club Internazionale di Firenze e ospita opere di Dolci, Moritz, Weed, Nilsson Ricklund. Ingresso libero.

Disegni preparatori che diventeranno quadri, disegni che sono già opere d’arte concluse. E’ giocata su questo doppio binario la mostra internazionale “Nel segno di Hermes – disegno e pittura” che viene inaugurata giovedì 21 marzo alle 17,30 al Lyceum Club Internazionale di Firenze (Palazzo Giugni Fraschetti, via Alfani 48) e che sarà visitabile fino al 30 aprile in occasione di tutte le iniziative della storica associazione culturale femminile.
L’esposizione, organizzata dalla sezione Arte del Lyceum fiorentino presieduta da Aurora Nomellini, ospita opere di Simona Dolci, Simone Moritz, Charles Weed e Per Elof Nilsson Ricklund. Saranno esposti sia disegni relativi a quadri, alcuni dei quali in esposizione, di cui si potrà apprezzare quindi il procedimento che da una prima idea conduce all’immagine finale, sia disegni che rappresentano opere compiute e autonome.
«Il disegno – si legge nel testo di presentazione della mostra - è un’espressione del linguaggio artistico che può prendere diverse forme: può nascere dall’impressione di un momento, da un’intuizione fugace catturata attraverso un segno veloce. A volte può essere lo strumento per elaborare un’idea, la preparazione per un’immagine complessa che diventa quadro o scultura. Il disegno è anche una forma d’arte in se stessa, autonoma e raffinata, indagine e mezzo d’esplorazione, di conoscenza e d’interpretazione del mondo reale».
«Hermes – continua la presentazione - è il messaggero degli dei, colui che si fa portatore di comunicazione, connessione, contatto. Tale valenza simbolica mette questa figura archetipica in stretta relazione con la nostra contemporaneità. Il dio rappresenta anche il movimento veloce nello spazio come nel pensiero. Anche questa velocità è legata alla modernità. Il disegno è comunicazione, è un linguaggio formale in competizione con le espressioni visive della nostra epoca. Tra le varie forme dell’arte classica è quella più immediata, diretta. Allo stesso tempo è profonda, meditata, lavorata, prodotta dalla mano umana. In questo contesto di cambiamento costante un buon disegno diventa una presenza comunicativa ma stabile e non facilmente consumabile».
Sia all’inaugurazione che nelle altre occasioni di visita l’ingresso alla mostra è libero.
Le attività del Lyceum Club Internazionale di Firenze hanno il sostegno dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

Per informazioni, Mirka Sandiford, tel.: 055-3249190

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40