Passa ai contenuti principali

Gioielli di Pini


 GIOIELLI DI GIORDANO PINI 
per la COLLEZIONE FIORGEN



 LE TESTIMONI
clicca sui loro nomi per scoprire il gioiello

 I Gioielli saranno esposti alle Reali Poste - Uffizi -Firenzedal 24 novembre al 1 dicembre 2012
orario 10.00-17.00

 “O speculatore delle cose, non ti laldare di conoscere le cose che ordinariamente per sé medesima la natura conduce. Ma rallegrati di conoscere il fine di quelle cose che son disegnate dalla mente tua.”

Leonardo da Vinci



 GIOIELLI-SCULTURA, OLTRE L’ORNAMENTO
Il termine gioiello ha una bella etimologia, viene dal latino joca plurale di jòcum - jocus, ovvero gioco, per estensione tutto ciò che dà piacere. In questo senso il gioiello costituisce un ideale mezzo per avvicinare le persone in modo positivo, per procurarsi reciprocamente anche una piccola felicità. La Fondazione Fiorgen Onlus istituita nel 2002 con l’obiettivo di favorire la collaborazione tra gli scienziati e i medici per realizzare nuovi farmaci basati sul genoma, anche se in senso metaforico, è un altro vero gioiello.
Giordano Pini è un artista al quale le etichette non sono mai piaciute, egli è certamente un abilissimo orafo ma ha sempre concepito i suoi gioielli come vere e proprie opere di scultura, in un formato tale da poter essere indossate, mentre in genere le sculture restano relegate in ambiti se non chiusi almeno statici.
Dal punto di vista formale queste “sculture-gioiello” sono immaginate come aggregazioni molecolari che si sviluppano dinamicamente, generando forme sempre nuove in un rapporto quasi dialettico con quelle anatomiche del corpo che le indossa, costituendovi un’armonia così intima da potersi definire “organica”.
Le forme plastiche di Giordano Pini diventano una sorta di seconda pelle, superando la nozione di “ornamento estetico”. In tal senso il lavoro di questo artista rende obsoleta la diatriba durata tutto il 900 sulla compatibilità o incompatibilità tra arte e ornamento1. L’artista è infatti consapevole del fatto che nulla può essere di per sé “ornamentale”. Per capirlo basta essere consapevoli delle operazioni mentali necessarie per categorizzare qualcosa come “ornamento” o come “orpello”. Si guardi un semplice tratto lineare con degli occhielli: , è evidente che per pensare agli occhielli stessi come a un “ornamento” della linea occorre sentirli come elementi a sé stanti posti in aggiunta all’elemento portante. Chi valuta poi negativamente gli ornamenti così costituiti ne parla come di “orpelli”. Ma come già detto le “sculture-gioiello” di Giordano non sono concepite come “ornamenti”, esse si integrano al corpo trasformandosi in una sorta di suo completamento organico, come i tegumenti che rivestono i corpi degli esseri viventi: le scaglie dei pesci, gli esoscheletri di certi insetti, le placche ossee di certi rettili; ecc..
Le loro forme sembrano sgorgare da una serie di naturali moti molecolari, così ricchi e complessi da essere trattati, preferibilmente, in relazione alla probabilità della loro ricorrenza statistica. Ciò non significa però che la loro realtà sfugga di per sé all’applicazione degli schemi deterministici, con i quali si può sempre spiegare qualcosa introducendo l’elemento causale. Applicando lo schema statistico, infatti, non si sta cercando affatto una spiegazione causale. Questo discorso è molto importante perché mostra quanto arte e scienza siano legate tra loro da una molteplicità di aspetti. L’artista e lo scienziato partono entrambi da un’“intuizione”, la quale però non è mai la presa diretta di una realtà in sé, di una particolare legge di natura, ma piuttosto il risultato di un processo sviluppato all’interno di un certo codice linguistico, di un certo linguaggio formale. Solo nel contesto problematico che ha animato il lavoro artistico di Lucio Fontana portandolo a fare il primo “taglio” della tela, un gesto apparentemente così banale si è manifestato intuitivamente come la soluzione ai problemi che l’artista si poneva. Lo stesso vale per le scoperte rivoluzionarie di Einstein e di tutti i grandi scienziati prima e dopo di lui. Ma nessun artista o scienziato ha mai conosciuto le cosiddette “leggi naturali”. Einstein lo ha detto chiaramente: “I concetti della fisica sono libere creazioni della mente umana e non sono, comunque possa sembrare, unicamente determinati dal mondo esterno.
Giordano Pini osservando con acutezza i fenomeni naturali ne ha ricostruito a modo suo gli schemi dinamici ricorrenti, elaborandoli formalmente ogni volta con infinite varianti nelle sue opere. La comprensione del metodo usato da Giordano Pini porta a un chiarimento della comune nozione di “astrazione”, spogliata delle idealizzazioni filosofiche che mirano solo a sublimarla, rendendola inutilizzabile. L’“astrazione” è un processo di riduzione tra due termini perfettamente noti e confrontabili, (dalla testa all’uovo), un processo che è l’esatto contrario di quello “costitutivo”, del quale ne è infatti l’analisi. Le forme plastiche di Giordano Pini affermano questo modo d’intendere l’astrazione, lo si vede chiaramente confrontando le forme delle sue “sculture-gioiello” con quelle dello “scettro”, ricavato lavorando un ramo di olivo. Nello scolpire il legno Giordano si è ispirato alle strutture anatomiche del corpo umano, dello scheletro e dei fasci muscolari, esaltando nel contempo la bellezza della venatura dell’olivo. Il bronzo dorato, in parte ossidato e in parte lucido e gli splendidi quarzi che l’arricchiscono trasformano il bastone in un vero “scettro”. Gli echi gotici delle maschere antropomorfe con cui esso termina in basso, richiamano poeticamente le paure che animavano i nostri antenati, soprattutto di fronte al dolore e alla morte. Questo “scettro” avrà il potere di risvegliare in noi almeno la speranza?
Montale 02-11-2012
Stefano Gambini


1 Le ricerche estetiche moderne hanno mirato alla realizzazione di forme pure essenziali e funzionali, Adolf Loos (1870 – 1933) col saggio “Ornamento e Delitto” (1908) ha posto formalmente il problema della contrapposizione tra arte e ornamento.
 









Commenti

Post popolari in questo blog

Mitoraj testimonial di Arte per la Ricerca FiorGen

A sorpresa arriva anche il Maestro Mitoraj durante la seconda giornata di Arte per la Ricerca FiorGen Onlus.
Ecco alcune delle foto scattate il 15 gennaio 2011 da Stefano Bacci  http://www.vipiesse-foto.com

Cristina Acindini, Igor Mitoraj, Giovanna Folonari

Igor Mitoraj e Giovanna Folonari

Fabio Fornaciai mentre aggiudica l'opera di Maccaglia
Cristina Acidini, apre la secoda giornata dedicata alla ricerca FiorGen

Foto del pubblico presente, la sala era piena!


 Igor Mitoraj e Fabio Fornaciai. Il Maestro ricorda l'importanza della ricerca.
Fabio aggiudica l'opera del Maestro Mitoraj che aveva lasciato la sala.

Igor Mitoraj
Cristina Acidini

 La strana coppia: Fabio Fornaciai e Jacopo Antolini veramente unici nel loro ruolo!

ART 3.0: AutoRiTratto di Liliana Fumagalli

Liliana Fumagalli, inizia il suo percorso artistico utilizzando matita e acrilici su pietra. L’incontro con Magdalena Grandi, avviene dopo la maternità e, da quel momento, sviluppa la passione per la pittura ad olio. Attratta dalle persone di altre etnie, decide di focalizzarsi sui volti perché esprimono emozioni, stati d’animo, desideri. Ha una particolare attenzione per il dettaglio quindi si cimenta con fiori, oggetti e nature morte.
Leggi L'intervista

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso.
È presente nel volume Storia dell'arte italiana del '900 a cura di Giorgio Di Genova.Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti, 50 pittori toscani per 50 cantanti toscani, 2010).

Leggi L'intervista