Passa ai contenuti principali

Inni Sacri - 14 marzo - Firenze


   GLI INNI SACRI DI ‘AD LIMINA COELORUM’: PRESENTAZIONE A FIRENZE CON LETTURE E CANTI
Il libro mistico di Madre Cristina di Gesù Crocifisso viene illustrato, alla presenza dell’autrice, il 14 marzo al Cenacolo di Santa Croce da importanti studiosi e personalità del mondo cattolico. Ingresso libero.

Un volume che raccoglie inni sacri scritti da Cristina di Gesù Crocifisso, alcuni tradotti in greco liturgico alla maniera bizantina da Mauro Agosto e altri in latino da Tuomo Pekkanen. L’ultima tappa, prima del mistico «stato unitivo dell’anima con Dio», del suo Viaggio Santo, iniziato trent’anni fa, che l’ha portata a vivere in un eremo ai piedi del Monte del Carmelo a Potenza.
E’ il libro ‘Ad limina Coelorum’ di Madre Cristina (Edizioni Feeria, Comunità di San Leolino 2012) che viene presentato giovedì 14 marzo, alle 17, nella Sala del Cenacolo di Santa Croce a Firenze (piazza Santa Croce 16), al cospetto dell’autrice, in un incontro in cui, dopo il saluto del Rettore della Basilica Padre Antonio di Marcantonio e della presidente della Fondazione il Fiore Maria Giuseppina Caramella, interverranno oltre agli autori delle traduzioni in greco e latino sopra citati, Carmelo Mezzasalma, Superiore della Comunità di San Leolino e docente di Letteratura poetica e drammatica, e Timothy Verdon, direttore dell’Ufficio Arte sacra e Beni culturali ecclesiastici dell’Arcidiocesi di Firenze nonché storico dell’arte. L’ingresso è libero.
Durante la presentazione sarà Cristina di Gesù Crocifisso stessa a leggere parte dei suoi inni, che verranno poi declamati anche in latino da Tuomo Pekkanen, professore di Lingua Latina all’Università di Helsinki e dal 1989 redattore dei Nuntii Latini della Radio finlandese, e letti e cantati in greco da Mauro Agosto, professore di Lingua Latina presso la Pontificia Università Lateranense e specialista anche in filologia musicale bizantina. Madre Cristina, «laureata in pedagogia con indirizzo filosofico, poeta sacro, innografo, omileta, scrittore di Filotee, esegeta ed ermeneuta delle Sacre Scritture, saggista», ha pubblicato trentatré libri e molti articoli su riviste e quotidiani nazionali ed esteri e ha ricevuto oltre cento premi. Vive in un eremo ai piedi del Sacro Monte del Carmelo e del castello federiciano di Lagopesole, luogo elettivo presso il quale ha elevato per grazia un santuario, consacrato e dedicato al Divin Crocifisso il 14 settembre 2001, meta di pellegrini, giardino di ascesi, di incontro, di silenzio elianico. Il 13 dicembre 2005, per mano di Mons. Agostino Superbo, Arcivescovo metropolita di Potenza - Muro Lucano – Marsico Nuovo, si è consacrata.
«In “Ad limina coelorum” – scrive Madre Cristina - l’anima – udito il comando del Padre, sostenuta dal Figlio, fecondata dallo Spirito, passata per gradi, stati e stadi in numero di quaranta, incontrata la Bellezza, che è Dio, ed esplicitata attraverso le Arti (Inno Sacro, Canto gregoriano, Canto bizantino, lingue bibliche e dei Padri, miniatura, icona) - giunge sulla soglia del Paradiso, Citta di Dio, Mirabile Hierusalem. Dodici le porte e, accanto a ognuna, un angelo e un apostolo; e, su ognuna, una perla e una nota musicale. L’anima bussa ad ogni porta, canta un inno epicletico e di lode, chiede di entrare per godere l’unione mistica con Dio».
Come spiegato nell’introduzione del libro da Mauro Agosto, «questo volume è la tappa di un lungo e articolato cammino interiore che ha condotto negli anni l'autrice attraverso una sorta di ascesi letteraria e mistica insieme» e nei versi di Cristina di Gesù Crocifisso «il lavoro sulla parola non nasconde, anzi esalta e comunica potentemente l’intenso, assiduo lavoro di ricerca del Sé più autentico. I suoi inni traducono l'esperienza spirituale in linguaggio carico di reminiscenze biblico-liturgiche e rimandano al Cristianesimo dei primi secoli».
Il libro è una indagine incentrata su tre temi o figure fondamentali, come emerge anche nel postludium di Mezzasalma: gli angeli, la porta della fede, la scala verso la contemplazione di Dio. E, osserva nella prefazione Antonio Paolucci, ex ministro ora direttore dei Musei Vaticani, «Cristina conosce e sa usare lo splendore “sciamanico” delle parole, quelle nuove prodotte nel suo laboratorio poetico, quelle antiche tratte dalle Scritture e dalla innografia greca e latina. Sa che le parole trasfigurano e “transumanano”, ci trasformano e possono portarci al di là della nostra umana condizione».
L’appuntamento, organizzato da Fondazione il Fiore insieme a Opera di Santa Croce e Studio Teologico per laici di Santa Croce, rientra nelle iniziative che da tradizione la fondazione organizza in occasione delle festività pasquali.
Per ulteriori informazioni, Fondazione Il Fiore. Tel: 055 224774

Cristina di Gesù Crocifisso (Cristina di Lagopesole), laureata in Pedagogia con indirizzo filosofico, poeta sacro, innografo, omileta, scrittore di Filotee, esegeta ed ermeneuta delle Sacre Scritture, saggista; direttore della redazione lucana della Casa Editrice Piero Lacàita di Manduria dal 1985 al 2000; direttore del Centro Studi Giustino Fortunato di Rionero in Vulture (Pz) dal 1991 al 1999; membro del Centro Annali per uno studio
sociale della Basilicata di Rionero in Vulture (Pz) dal 1981 al 1986; socio onorario della Fondazione Federico II Hohenstaufen di Jesi, ha pubblicato trentatré libri e molti articoli su riviste e quotidiani nazionali ed esteri.
Collabora con: università straniere (Helsinki, Monaco, Avila – Universidad de la Mistica) e italiane; pontificie università; seminari pontifici; facoltà teologiche (Triveneto, Napoli); collegi dei Padri Gesuiti (Roma, Napoli);
diocesi italiane e straniere; Chiesa ortodossa (Rodi, Malta, Kalimnos, Napoli); custodia di Terra Santa; ordini monastici; comunità (Bose, San Leolino); accademie; fondazioni (Federico II, Toniolo); associazioni, società, centri studi, biblioteche, conservatori (Venezia, Barro); cenacoli letterari (Giubbe Rosse, Firenze).
Sulle sue opere - tradotte in latino liturgico e classico (S.E. Rev.ma Mons. G. Nazzàro ofm, Vescovo di Forma di Numidia e Vicario Apostolico di Aleppo dei Latini, già Custode di Terrasanta; Prof. T. Pekkanen, Università di Helsinki e di Jyvaskylà; Prof. M. Agosto, Università Lateranense - Città del Vaticano; Prof. W. Stroh, Università di Monaco); in greco liturgico, secondo ritmi innodici bizantini, classico e moderno (S.E. Rev.ma G. Zervós, Metropolita dell'Arcidiocesi ortodossa d'Italia e Malta ed Esarca per l'Europa Meridionale; Prof.ssa A . Merianou, filologa e poetessa, Atene-Rodi; Prof. M. Agosto); tedesco, inglese, francese, spagnolo, polacco, arabo, grecanico e musicate (utilizzando svariate forme musicali, da quelle arcaiche e gregoriane a quelle classiche) dal M° L. Menga,
docente di Prepolifonia e Musica medievale nel Conservatorio "B. Marcello" di Venezia; dal Prof. M. Agosto, laureato in filologia musicale bizantina a Heraklion di Creta e dai Padri A. Susca e G. Santolla o.s.b. dell' “Abbazia
Madonna della Scala" di Noci (BA) - hanno scritto critici illustri su quotidiani italiani ed esteri, su riviste specialistiche e ne hanno parlato in trasmissioni radio e televisive (Sgarbi Quotidiani, Sereno Variabile, A Sua Immagine). Innumerevoli i concerti eseguiti in Italia e all'estero.
Nella sua discografia compare: De Eucharistia, Canti liturgici d'Occidente e d'Oriente de I Piccoli Romei di San Michele Arcangelo. Dir. F. Mastroianni (Terni 2009; con G. Baroffio).
Conferisce in convegni e università, pronuncia Omelie e Inni Sacri nelle chiese, promuove incontri ecumenici, esercita il ministero della predicazione. Ha conseguito centoventicinque premi - tra cui sei nazionali sulla Pace - ed è presente in numerose antologie.
Vive in un eremo ai piedi del Sacro Monte del Carmelo e del castello federiciano di Lagopesole (Pz), luogo elettivo da cui ha tratto il nome distintivo, presso il quale ha elevato per grazia un santuario, consacrato e dedicato al Divin Crocifisso il 14 settembre 2001, meta di pellegrini, giardino di ascesi di incontro, di silenzio elianico.
Il 13 dicembre 2005, per mano di S.E. Rev.ma Mons. Agostino Superbo, Arcivescovo metropolita di Potenza - Muro Lucano – Marsico Nuovo, si è consacrata.

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40