Passa ai contenuti principali

14° FESTIVAL INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA IN VIDEO- 28- 29- novmbre- Firenze







Il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze
in collaborazione con Le Murate. Progetti Arte Contemporanea

presenta  28 - 29 novembre dalle ore 16.00

MEDIARC - 14° FESTIVAL INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA IN VIDEO

"L’architettura è come il cinema e quindi impossibile, o quasi, da raccontare…" (Renzo Piano, 2014)

Ingresso Libero
Sala Vetrata e Sala Colonne I piano
Piazza delle Murate Firenze
Tel:  055 2476873
Mail: info.pac@muse.comune.fi.it


Commenti

Post popolari in questo blog

ART 3.0: AutoRiTratto di Liliana Fumagalli

Liliana Fumagalli, inizia il suo percorso artistico utilizzando matita e acrilici su pietra. L’incontro con Magdalena Grandi, avviene dopo la maternità e, da quel momento, sviluppa la passione per la pittura ad olio. Attratta dalle persone di altre etnie, decide di focalizzarsi sui volti perché esprimono emozioni, stati d’animo, desideri. Ha una particolare attenzione per il dettaglio quindi si cimenta con fiori, oggetti e nature morte.
Leggi L'intervista

Mitoraj testimonial di Arte per la Ricerca FiorGen

A sorpresa arriva anche il Maestro Mitoraj durante la seconda giornata di Arte per la Ricerca FiorGen Onlus.
Ecco alcune delle foto scattate il 15 gennaio 2011 da Stefano Bacci  http://www.vipiesse-foto.com

Cristina Acindini, Igor Mitoraj, Giovanna Folonari

Igor Mitoraj e Giovanna Folonari

Fabio Fornaciai mentre aggiudica l'opera di Maccaglia
Cristina Acidini, apre la secoda giornata dedicata alla ricerca FiorGen

Foto del pubblico presente, la sala era piena!


 Igor Mitoraj e Fabio Fornaciai. Il Maestro ricorda l'importanza della ricerca.
Fabio aggiudica l'opera del Maestro Mitoraj che aveva lasciato la sala.

Igor Mitoraj
Cristina Acidini

 La strana coppia: Fabio Fornaciai e Jacopo Antolini veramente unici nel loro ruolo!

ART 3.0: AutoRiTratto di Marcello Di Pierro

Un’infanzia accompagnata dalla febbrile passione del padre per la pittura e il desiderio di imporre alla tela emozioni che restino indelebili nel tempo, come pagine di un diario. Di Pierro fa scorrere sulle rughe dei suoi ritratti, riflessioni, tensioni che devono a loro volta imprimersi negli occhi dell’osservatore.

Leggi L'intervista