Passa ai contenuti principali

Sebregondi - Anni Trenta - 6 giugno - Lyceum Firenze


“DECENNIO AD ARTE: RIFLESSIONI IN MARGINE AGLI ANNI TRENTA”: CONFERENZA DI SEBREGONDI AL LYCEUM DI FIRENZE
Incontro il 6 giugno a Palazzo Giugni con la responsabile del coordinamento scientifico ed editoriale della Fondazione Palazzo Strozzi. Ingresso libero.

Un’occasione per riflettere, a posteriori, su come la mostra allestita a Palazzo Strozzi “Anni Trenta. Arti in Italia oltre il fascismo” abbia consentito di «esplorare un periodo discusso, e riconsiderarlo anche alla luce dei suoi aspetti di straordinaria modernità e di assoluta tragicità».
Vengono sintetizzati così da Ludovica Sebregondi, storica dell’arte e responsabile del coordinamento scientifico ed editoriale della Fondazione Palazzo Strozzi, i contenuti della conferenza che terrà giovedì 6 giugno alle 17,30 (ingresso libero) a Palazzo Giugni (via Alfani 48), sede del Lyceum Club Internazionale di Firenze. Un’analisi che sarà arricchita da quanto emerso nel ciclo di conferenze e nelle quattro esposizioni collaterali (al Lyceum, alla Biblioteca Nazionale, all’Archivio storico del Comune e alla Biblioteca Marucelliana) che hanno accompagnato la mostra.
Ad organizzare l’incontro è la sezione Arte dello storico club femminile fiorentino, presieduta da Aurora Nomellini.
Le attività del Lyceum Club Internazionale di Firenze hanno il sostegno dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

Per informazioni, Mirka Sandiford, tel.: 055-3249190


Ludovica Sebregondi
Storica dell’arte, ha svolto, e svolge, attività didattica in Università italiane e straniere. Ha dedicato la sua attenzione al tema dell’associazionismo laicale, pubblicando libri su confraternite fiorentine e curando alcune mostre sul tema. Si è occupata della fortuna iconografica di vari personaggi, studiando soprattutto Girolamo Savonarola. Ha tra l’altro curato le mostre: Virtù d’Amore. Pittura nuziale nel Quattrocento fiorentino (Firenze, Galleria dell’Accademia-Museo Horne, 2010); Il mercante, l'Ospedale, i fanciulli. La donazione di Francesco Datini, Santa Maria Nuova e la fondazione degli Innocenti (Firenze, MUDI Museo degli Innocenti 2010-2011);  Denaro e Bellezza. I banchieri, Botticelli e il rogo delle vanità (Firenze, Palazzo Strozzi, 2011-2012). È responsabile del coordinamento scientifico ed editoriale della Fondazione Palazzo Strozzi.

Commenti

Post popolari in questo blog

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Appuntamenti con... un'ora sulla storia. Firenze dal Fascismo alla Liberazione- 7 aprile- Firenze

  In occasione del 70° anniversario della Resistenza e della Liberazione   ritorna il c iclo di incontri Appuntamenti con... un’ora sulla storia Firenze dal Fascismo alla Liberazione     A cura di Lucia Felici Professore di Storia Moderna dell’Università degli Studi di Firenze Primo appuntamento lunedì 7 aprile ore 18-19   Valeria Galimi Università della Tuscia Firenze fascista, Firenze in guerra   Gli incontri proseguiranno fino a giugno 2014 Sala conferenze (piano terra) della Biblioteca delle Oblate Ingresso libero    t el. 055 2616512 - fax. 055 2616519 Via dell’Oriuolo, 26   PROGRAMMA COMPLETO LINK INFO

ART 3.0: AutoRiTratto di Luca Mattana Design

Ancora una volta è Francesco Andoli a farmi scoprire realtà artistiche di grande vitalità nascoste nel cuore di Napoli, è la volta di Luca, creatore di Mattana Design. Luca non vuole parlare di sé, ma della squadra che lavora a queste creazioni. Scrivono di lui da  Preziosa Magazine : “La sua gioielleria nelle vicinanze di Piazza Amedeo a Napoli ha l’aspetto serio del luogo del prezioso, ma a un secondo sguardo attira proprio l’informalità di materiali meno costosi (argento, ma tanto bronzo). Cosa è prezioso per Luca? Gli austeri diamanti                                     Leggi L'intervista