Passa ai contenuti principali

DAVIDE CORSERI, MAURIZIO VIRGILI, RAFFAELA QUAIOTTI, GREGORIO PRADA CASTILLO - 8 giugno, Bologna

La Galleria d’Arte Contemporanea
Wikiarte
In Via San Felice 18, Bologna
È lieta di invitarvi sabato 8 giugno 2013 ore 18.00
Alla inaugurazione delle personali di

DAVIDE CORSERI
MAURIZIO VIRGILI
RAFFAELA QUAIOTTI
GREGORIO PRADA CASTILLO

La moltiplicazione degli spazi dedicati alla cultura cresce quotidianamente e perde, sempre di più, i riferimenti istituzionali. La progressione inarrestabile di novità nell’ambito dell’immagine costringe l’intero mondo culturale a seguire dinamiche repentine, puntando su efficienze subitanee e non durature. Il ruolo della galleria, uno dei pochi luoghi di assoluta dedizione artistica, diventa sempre più complesso e chiamato a rispondere a esigenze crescenti e variabili. Per la Galleria d’arte contemporanea Wikiarte questa è una provocazione e la galleria bolognese dimostra la coerenza all’attuale correre del tempo con una programmazione estremamente vivace. Quattro nuove mostre personali, dall’otto al venti giugno, animano la galleria con espressioni nuove come vuole la frenesia contemporanea.
I toni cupi, gli esseri mostruosi o deformi, le visioni raccapriccianti, l’ inquietudine d’incubo della pittura nera di Goya o di Blake sembrano essere i riferimenti formali per il lavoro di Davide Corseri. La sua interpretazione dell’affascinante e pericoloso mondo occulto rientra nella storica tenebrosità cromatica ma la supera con uno sguardo nuovo, analitico e dissacrante. Le immagini, da buie composizioni, si trasformano in negativi di se stesse, memorie dell’immagine latente con valori coloristici invertiti. Al posto di tonalità scure e spente si estendono colori chiarissimi, quasi bianchi che, paradossalmente, costruiscono quella che la storia dell’arte chiama “pittura nera”. Il lavoro di Corseri dimostra come una semplice protesi tecnologica, la fotografia, dona un punto d vista nuovo e rivoluzionario per il creativo che è capace a coglierlo e svilupparlo nel linguaggio eterno della pittura.
Maurizio Virgili, l’artigiano dell’arte, della pittoscultura fa tesoro di ogni tecnica artistica non pittorica e usa la tela come “trampolino” per spingersi al di fuori o dentro lo spazio delle due dimensioni. La tecnica  sfiora l’informale nella sua cifra espressiva ma si libera dall’”obbligo della materia-colore” coinvolgendo la presenza fisica oggettuale. Il risultato è la “narrazione” dell’azione artistica intenta a “contattare” lo spettatore e coinvolgerlo in un dialogo personale, anche se pubblico. In tal senso le tematiche che interessano Virgili sono incentrate sull’uomo, sul suo vivere, pensare e sentire, senza cadere in sillogismi esistenzialisti, ma dedicarsi allo scorrere della vita. L’attenzione dunque va di là dalla semplice attrazione della percezione per i colori vivaci e le sporgenze plastiche.  L’interesse è richiamato da un’arte “fisica” e consapevole della propria corporalità, come lo è unicamente il suo creatore, l’uomo.
Raffaela Quaiotti impegna vetro, acrilico, acquarello, vino e caffè in una ricerca artistica ricca di riferimenti storici, di maestria accademica ma anche d’inventiva dinamica. La linea scorre su i volumi e gli accarezza come guidata dalla mano di Modigliani, la forma si scompone e ricompone in strutture angolose di stampo cubista, il colore si estende in definite campiture simbolista e la narrazione è irreale nella fantastica atmosfera metafisica. Quaiotti dispone della ricchezza dell’artista erudito e l’unicità della creatività, capace a costruire un linguaggio personale dall’espressione “poliglotta”. I lavori della pittrice veneta portano l’eleganza e l’emotività del sentire femminile, donando alla raffigurazione una “melodicità” coinvolgente lo sguardo in un percorso visivo poetico che sfiora l’onirico e permette all’occhio, come all’anima, di abbandonarsi ai dolci suoni della pittura.
Il disegno, la linea curvilinea, il tratto descrittivo sono le prime espressioni pittoriche. La roccia, il tessuto, la pelle sono le prime tele degli artisti primordiali. Il colore, di tonalità primarie, è organico e vive nel tempo trasformazioni cromatiche.  Non esiste uno stile figurativo o astratto, ma solo una narrazione -decorazione, un atto di raccontare con la bellezza di cui è capace l’essere umano.  Gregorio Prada Castillo conosce bene questo mondo e lo celebra con una ricerca dedicata alle prime forme artistiche e in stretto contatto con loro. L’artista si avvale di supporti, colori, materie, iconografie che permettono un dialogo tra passato e presente che genera risultati definibili Primitivismo, ma anche Astrattismo formale o Naif, il che dimostra quanto le etichette storiche sono restrittive sia per l’arte di oggi, come per quella di ieri.
                                                                                                                                                                  Denitza Nedkova
Critica:
Presentazione a cura del Critico Denitza Nedkova

Curatori:
Deborah Petroni
Rubens Fogacci

Intervento:
Intervento a cura di  Irene Gianello per l’Artista Raffaela Quaiotti 
 
Sponsorizzata da:

Durata mostra:
dal 8 al 20  giugno 2013
dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00 orario continuato
domenica e lunedì chiuso.
Ingresso libero

Dove:
Galleria d’arte contemporanea Wikiarte
Via San Felice 18, Bologna

Info e contatti:

 
I nostri cordiali saluti
 
lo Staff
Galleria Wikiarte
Via San Felice 18
40122 Bologna
orari:
da mercoledì a sabato
dalle 11.00 alle 19.00
martedì e domenica
dalle 15.00 alle 19.00
tel.051-5882723

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40