Passa ai contenuti principali

Kiki Franceschi - Ordine Imperfetto - 4-18 giugno - Murate Firenze

 ANDREA CHIARANTINI
KIKI FRANCESCHI
L’ O R D I N E  I M P E R F E T T O
A. X T. E. V.
dal 4 al 18 giugno 2013                           

L’ORDINE IMPERFETTO
Un viaggio, un percorso, un’esposizione.
Alle Murate dal 4 al 18 giugno

Un viaggio nel mondo complesso e magico che abita l’immaginario. Un percorso creativo fatto per stimolare la curiosità del visitatore. Un’esposizione di carattere didattico per mettere in luce lo stretto rapporto che c’è tra arte e artigianato, creazione e sperimentazione e insieme possa  testimoniare il lungo tragitto di studio e di lavoro sotteso alle realizzazione di un’idea.
E’ questo il concetto e il senso dell’ esposizione studiata da Andrea Chiarantini e Kiki Franceschi:
In questi luoghi della Murate a Firenze si compie un viaggio esplorativo dentro il nostro mondo di artisti. Attraversiamo il  Disordine perché dal caos creativo nasce l’arte che il Cantiere realizza, proponiamo nell’ Ordine imperfetto opere che intendono essere mutanti, aperte al visitatore per interagire con lui, sostiamo nell’Agorà dove ogni evento è condiviso e, a coinvolgimento avvenuto, ci ritroviamo dentro il magico regno della Scrittura improbabile, luogo della trascrizione artistica e letteraria compiuta.”


Ad oggi ben 12 monumenti dei due artisti sono stati eretti in Toscana dal giardino Agorà di Caldine, al bassorilievo Darsi una mano, Le grandi ceramiche di San Lorenzo a Greve, Il monumento Mani e Fatti di Arezzo, la Piazzetta del Tempo di San Gimignano, l’Obelisco di Porcari. Le opere sono frutto di una collaborazione costante e entusiastica con gli ingegneri e gli operai, in mezzo alla gente che incuriosita chiedeva di essere partecipe. Sono stati coinvolti gli operai, sulle prime diffidenti, che nel corso dei lavori entravano nello spirito dell’opera, davano preziosi suggerimenti sentendosi oramai parte in causa. Le persone intorno, sapendo che quel lavoro era a loro destinato, ne andavano fiere. Un percorso contemporaneo, grazie alla scelta di materiali poveri e tecnologici come il cemento armato, la ceramica, il rame, la vetroresina, il mosaico, rivolto al presente e intriso dell’idea che l’opera artistica può essere realizzata e fruita da coloro che sanno di vivere il loro tempo.
L’ITINERARIO
1)  IL DISORDINE
Un omaggio al caos creativo.
La fucina di Vulcano in piena azione. Che ne uscirà?
Un monumento alla danza, un ostensorio, un piede di poeta, un sasso inciso con segni misteriosi, fiamme paravento…  L’inconsueto è di casa.
Qui si stimola la fantasia, s’invita a volare alla ricerca dell’isola di Peter Pan

2) IL CANTIERE
Il luogo dove il progetto tenta di farsi strada, esplorando i mezzi o ricercandone nuovi.
Qui s’ incontrano disegni, progetti, opere pittoriche modellini di monumenti e sculture dalle forme stravaganti, ironiche e inconsuete, realizzate in differenti materiali , creta, vetroresina, corda, rame, legno e ferro

3) L’ODINE IMPERFETTO
E’ il momento in cui l’opera si è realizzata e tenta un dialogo, saggia un’ interazione con il visitatore ripensando ai luoghi della tradizione e della bizzarria,  stimolando curiosità ed emozioni insolite presenti opere di rilievo per le proporzioni ed ambizioni

4)  L’ AGORA’
L’idea dell’agorà  accompagna idealmente tutta la progettazione.
Il luogo ideale dove ci si incontra con gioia e amicizia.
opere simboliche progetti di opere pubbliche, obelischi e fontane, panchine dalle forme fantasiose, obelischi, sculture di mani e piedi-simboli della presenza dell’uomo come segnali di un mondo passato e a venire.

5) LA SCRITTURA IMPROBABILE
Trascrive l’opera con segni inconsueti e bizzarri, magici e ammalianti, che seducono nel gioco di ammiccamenti e rimandi.
Non è forse così che nascono la poesia e l’arte tutta?
Opere pittoriche, libri d’artista e sculture che si svelano il profondo legame tra scrittura e visione


AXTEV, ovvero arte per tracce di esistenza visibili. Il titolo misterioso ed ambiguo: per dire che l’arte contiene tracce del vissuto, dell’esistenza, della passione e del sentimento, tracce che affondano nel sabbioso terreno della storia umana; che vivere è anche sentirsi parte dell’universo e del cosmo, misteri di cui poco sappiamo ma dai quali siamo catturati quando iniziamo a creare qualcosa di nostro e dai quali ricaviamo meraviglia e furore.




KIKI FRANCESCHI
Nasce  a Livorno e vive da oltre trentacinque anni a Firenze. Discende da una famiglia di schiumatori di mari,  di origine corso- marsigliese, i “ Franceschi” appunto, che le hanno trasmesso sicuramente il gusto per l’avventura, l’amore per il mare, gli spazi aperti. Si è laureata in Lingue a Pisa, ha dipinto come una forsennata, scritto e tradotto, tenuto conferenze. Nel 1979 si avvicina al gruppo Lettrista, nel 1981 entra nel movimento INI, cominciando una sperimentazione poetica e visiva che ancora persegue. Dal 1970 ad oggi fa oltre quaranta personali in gallerie italiane e collettive in musei italiani e esteri
ANDREA CHIARANTINI
Si è laureato in Architettura nel 1978 presso l’Università degli Studi di Firenze. Nello stesso anno dà vita con Kiki Franceschi alla “Operazione Lavoisier", 49 libri d’artista che costituiscono una sorta di storia dell'arte su artisti contemporanei delle più svariate tendenze; dal 1993 le opere sono visibili alla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze [Gabinetto Stampe]. Nel 1995 con Kiki Franceschi pubblica “Segnali da Nessun Luogo”, libro indagine sui sentieri dell'arte contemporanea e sul ruolo dell'artista nella società. Oltre quaranta le sue personali, tra cui una nel 1993 al Museo di Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, e numerose mostre collettive internazionali. Ha fatto parte del movimento INI dal 1981 al 1990. Le sue ricerche nel campo pittorico lo hanno ricondotto a pieno titolo nell’Inismo.  
Le loro opere e biografia completa è consultabile sul sito internet www.axtev.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40