Passa ai contenuti principali

Personale di Walter Cascio e Lorenzo Taini- 29 Giugno - 27- Luglio Pontedera. Pisa




 Personale di Walter Cascio e Lorenzo Taini

Sede: Galleria Liba, Pontedera (PI)

Periodo espositivo: 29 giugno – 27 luglio 2013
Inaugurazione: 29 giugno 2013 ore 17.30
Indirizzo: Via G.Bruno, 9 56025 Pontedera (PI)
Aperto: giovedì, venerdì, sabato
Orario: dalle 17.00 alle 19.30
Ingresso: gratuito
Informazioni: 3472320947
Sito Web: www.gallerialiba.com
e-mail: libarte@tiscali.it

 COMUNICATO STAMPA

LE ROTTE DELLA PITTURA
Sessant’anni di astrazione italiana dalla Collezione Garau
Personale di Walter Cascio e Lorenzo Taini
a cura di Alberto Rigoni
Inaugurazione
sabato 29 giugno 2013 ore 17.30
Galleria Liba, via Giordano Bruno, 9 – Pontedera (Pisa)
Inaugura il prossimo 29 giugno alla Galleria Liba di Pontedera la doppia personale di Walter Cascio e Lorenzo Taini, anteprima della più ampia Le rotte della pittura – sessant’anni di astrazione italiana dalla Collezione Garau.
All'interno di questo attivissimo centro culturale della cittadina toscna, un focus su questi due artisti che sviluppi un dialogo estetico, ampliando e valorizzando la conoscenza della pittura italiana.
La doppia personale di Walter Cascio e Lorenzo Taini è anteprima ed evento inaugurale della più ampia mostra Le rotte della pittura – sessant’anni di astrazione italiana dalla Collezione Garau che si apre sempre sabato 29 giugno, alle ore 18.30, al
Museo Piaggio di Pontedera, nella quale vengono esposti alcuni degli oltre duecento lavori presenti nella raccolta di Sergio Garau.
A Cascio e Taini, due tra i 148 artisti rappresentati in collezione, il curatore dell’evento Alberto Rigoni dedica un focus nella Galleria Liba, da anni attivissimo centro culturale della cittadina toscana, concentrato sulla pittura non figurativa italiana.
«L’idea di questa mostra collaterale – spiega Rigoni – nasce per offrire a Cascio e Taini un ingrandimento, uno spazio più ampio per poter sviluppare un dialogo. I due artisti si conoscono, si stimano e, seppur appartenenti a due generazioni diverse, dimostrano di poter imbastire un rapporto non solo personale ma anche estetico. Perché loro due e non altri? La scelta è nata
da un confronto con Sergio Garau, dal suo desiderio di ampliare sempre i confini della propria passione e dalla sua instancabile volontà di valorizzare la pittura italiana».
Walter Cascio (Bologna, 1958) lavora da tempo su direttrici minimali e raffinate, cercando nello spazio, nella materia, nella tela grezza quel rigore formale che da tante parti gli viene in effetti riconosciuto. I suoi “oggetti”, spesso realizzati utilizzando carboncino e tela grezza, sono veri e propri misuratori dello spazio, sia quando si presentano come quadri dalle forme più o
meno consuete, sia quando si configurano in “metri”. L’eterna lotta (o sarebbe meglio dire “l’inevitabile convivenza”) tra il vuoto e il pieno, tra verticali e orizzontali, tra spazio e lavoro dell’artista producono in questo caso esiti bilanciati e attenti, ma tutt’altro che freddi e insapori. In mostra, Cascio presenta due grandi lavori su carta e alcuni lavori in ceramica: la materia,
sembra volerci dire l’artista, non può che sottostare alla volontà forgiatrice dell’uomo.
Lorenzo Taini (Milano, 1977) parte da una passione per il disegno e per il fumetto, e fin da qui si capisce lo sviluppo di tanti suoi lavori, come quelli in mostra alla Galleria Liba: tanti blocchi compongono un insieme unico, narrazione priva di storia in cui l’unica trama è quella del filo strappato, ormai uno dei “marchi di fabbrica” del giovane artista. I blocchi si disperdono
sulla parete secondo un percorso estetico proprio, sono opere che intervengono comunque a segnare uno spazio, come in altri lavori Taini dimostra di saper fare: pensiamo alle sue griglie in cui su sottili chiodi vengono infilzate mozziconi di matita o buste di tè, oggetti esausti che ricavano una nuova vita dalla fantasia dell’autore, e ritrovano capacità di dare una nuovastruttura alla parete.

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40