Passa ai contenuti principali

Momenti di Andrea Veronica Sole Costa e Massimo Tassinari - 19 novembre Milano

ASSOCIAZIONE CIRCUITI DINAMICI
dal Circolo Culturale Bertolt Brecht


Spazio 1/Via Giovanola 21/C_Milano Tel +39 3397908472 - www.circuitidinamici.it - MM2 Abbiategrasso

 presenta
 
A cura di Lorenzo Argentino
Testo e presentazione mostra di Sonia Patrizia Catena
Lunedì 19 Novembre 2012 alle ore 18.30

Momenti

di Andrea Veronica Sole Costa e Massimo Tassinari
Prove aperte: musiche di Carlo Pulvirenti (Sassofono)
La mano di Massimo Tassinari scorre libera sulla tela, ma al contempo rimane misurata, calibrata, alla stregua di un musicista improvvisa una creazione estemporanea del tutto personale in cui l’atmosfera è tutto. Ogni colore cattura l’attimo, il momento dell’evento musicale in corso e, come nello swing si muove ad un ritmo “saltellante”, energico. Si ha la sensazione di trovarsi dinnanzi ad un concerto jazz, di sentire le note giungere dalle tele, laddove l’impiego simultaneo di più cromie produce una ricchezza di varietà ritmica, una poliritmia. Una perfetta fusione fra suono e colore, laddove l’intensità del tono musicale corrisponde ad una certa quantità di colore. Ne nasce una partitura musicale cromatica e formale, in cui Tassinari modula la materia-colore fissandola espressivamente sulla tela, i suoni si “colorano”, si mescolano polifonicamente, si strutturano ritmicamente sino ad ottenere una compiuta architettura sonora. Le altezze dei suoni sono rappresentate dai giochi di luce tonali e dalle sue gradazioni, le quali gli permettono di dipingere narrando la musica, la sua essenza. Fra le note e la pittura intercorrono rapporti intensi, eloquenti e l’artista raffigura la musica come uno strumento con cui dare vita, aldilà dei suoni, dei significati sottesi. Un momento musicale a cui assistiamo, un tempo ispirato e travolgente, attimi di jazz.
Se per Tassinari i momenti sono musicali, per Andrea Sole Costa i momenti sono istanti di vita, rari attimi di grande intensità e di innumerevoli pause da indagare tramite il linguaggio pittorico.
Esplora, contempla,  studia la natura umana nella sua intrinseca realtà, trasfigurandola tramite la bellezza e la grazia dell’arte. Una fisicità espressiva del corpo, dall’attenta analisi anatomica in cui la ricchezza della sua gamma cromatica ha funzione  plastica e scorre sulla pelle per dare vita ad una certa solidità scultorea. Una pelle dipinta come un tessuto, con le sue trame e i suoi dettagli risolte nel gesto, nel giro della pennellata che ha la forza di una rivelazione, di un’intensificazione della realtà sottesa. Mostra, rivela i corpi per rappresentare ciò che soggiace febbricitante nella psiche, inducendoci a conoscere i momenti della vita tramite un grande realismo.
Sussiste tuttavia un’oscillazione perpetua tra la materia ed il colore, i quali si sfrangono, avvicinandosi a processi di leggera sfocatura delle forme corporee, materializzate in gesti, pose e movimenti. I contorni delineano i corpi gravando in alcuni punti, mentre in altri fremono, come colti da istantanee fotografiche. I soggetti sono “tagliati”, ripresi in una particolare inquadratura che ne rende una visione spontanea, un momento di vita.

Sonia Patrizia Catena

Ciclo: Sguardi divergenti


Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40