Passa ai contenuti principali

Alfonso Talotta. Mostra Personale - Pontedera - 24 novembre


Alfonso Talotta. Mostra Personale
Sede: Galleria Liba - Via G. Bruno, 9 56025 Pontedera (PI)
Inaugurazione: 24 novembre 2012 ore 18.30
Periodo espositivo: 24 novembre – 30 dicembre 2012
Aperto: dal giovedì al sabato. Mattina e festivi su appuntamento
Orario: dalle 17.00 alle 19.30
Informazioni: 3472320947



Inaugurazione: sabato 24 novembre ore 18.30

Si inaugura sabato 24 novembre alle ore 18.30 presso la Galleria Liba di Pontedera la personale dell'artista Alfonso
Talotta. La mostra propone, in modo veloce ed essenziale, tutti i periodi operativi che l'artista ha attraversato nel corso
degli ultimi trenta anni (1979-2011).
Con questa esposizione la Galleria Liba conferma la sua vocazione al contemporaneo e rinnova, in collaborazione con il
Comune di Pontedera che ha concesso il patrocinio all'iniziativa, il suo impegno nell'offrire al territorio uno spazio alla
cultura e all'arte.

Pittura di segni e di confini inafferrabili

“La pittura di Alfonso Talotta è un incastro esatto di pietre tagliate e affiancate da abili scalpellini a formare un muro dritto e
senza crepe. O meglio, è la storia della sua vicenda pittorica nel suo svolgimento cronologico a presentarsi con questa
esattezza. In altri ambiti della creatività, diremmo che la sua poesia pittorica si basa su di un principio scientifico, quello
dello sviluppo e del segno (ma le due cose non sono separabili) nel corso di una lunga ricerca sulla forma e il colore.
Il percorso e le tappe della pittura di Talotta sono fin troppo chiari, come dimostra l’occasione di questa sua prima mostra
antologica di ampio respiro, il respiro di una vita: 1979-2011.
Dalle impronte lasciate dai pneumatici di un’automobile su tela, ai primi segni che tagliano lo spazio e che poi si incontrano
a ritagliare campi cromatici chiusi come appezzamenti di terra visti dall’alto, che via via si arricchiscono di altri campi fino
a che in questi spazi di analisi emergono taglienti sagome a forma di vela, pinna di cetaceo, lama di coltello o
semplicemente cuneo. Se a questa ricerca bidimensionale affianchiamo quella in tre dimensioni sperimentata ampiamente
nella ceramica, lo sguardo complessivo diventa ancor più chiaro.
Eppure, se questa è l’apparenza, non si capisce con questo schema la necessità dell’analisi di Talotta, cioè non si è detto
niente riguardo le motivazioni della sua storia pittorica, che è fatta non di casualità né solo di necessità, ma di scelte
consapevoli. A mio parere, è facile capire quale sia questa necessità legata ad una scelta formale, che in fondo è la necessità
che abita la parte più intima di ogni pittore, di ogni artista: quella di lasciare un segno e che questo segno diventi autonomo
e indipendente anche dall’autore stesso di quel segno. Come se l’unica garanzia che abbia un pittore perché la sua opera
acquisti senso è che questa opera parli una sua lingua propria, inventi un suo linguaggio e delinei la sua propria necessità,
che alla fine dunque non è più neanche quella dell’artista.
In questo senso allora le tappe chiare dello sviluppo della pittura di Talotta, che possiamo scandire per tre decenni principali
(1979-1989, 1989-1999, 1999-2009) diventano significative: non solo lasciare un segno ma far sì che questo si spieghi da
sé.

Ecco perché si è paragonata la sua ricerca ad una sorta di scienza e analisi, che verrebbe anche giustificata dall’interesse per
la pittura di Talotta che ebbe il critico Filiberto Menna, celebre autore di un testo fondamentale per la storia dell’arte italiana
e non, quale La linea analitica dell’arte moderna. Appunto “linea analitica”, quella stessa che si dipana nella vicenda storica
della pittura di Talotta.
E questo sul piano formale, cioè astratto e visivo.
Ma esiste poi anche un piano materiale, quale appunto quello delle ceramiche e quello della juta grezza che Talotta usa
spesso nella sua naturale cromia per inquadrare le sue campiture, delle quali si rendono visibili anche le trame, i nodi, gli
odori stessi della juta. E mentre la juta diventa colore naturale e alla pari con i colori accesi delle sue opere, le ceramiche
lasciano trasparire crepe, contrazioni e spaccature della materia quali ne fossero segni spontanei, un raccontarsi non più solo
della linea e della superficie, ma della carne della pittura, quella carne che la pittura non dovrebbe avere in linea di principio
ma che ritrova in queste forme concrete e tridimensionali. Potremmo dire scultoree, se non fosse che queste opere in
ceramica sembrano preferire gli spazi vuoti ritagliati nei pieni come fossero lettere di un alfabeto inesistente, ma che a loro
volta sono quasi sempre pareti da leggere come quadri.
In tal senso la ricerca di Talotta, che è ispirata esplicitamente da quelle mentali e avanguardistiche di Fontana e quelle
materiali e informali di Burri, ripercorre una strada tracciata dai dipinti di Arturo Bonfanti e dalle sculture a due dimensioni
di Pietro Consagra, due artisti forse minori per fama universale rispetto ai due più grandi e acclamati maestri appena citati,
ma di certo di grande originalità e intima e segreta ispirazione.
Difficile definire Talotta, anche per via della sua anagrafe, un pittore d’avanguardia (sempre che questo debba essere
automaticamente un merito), più spontaneo e motivato dirlo un pittore di ricerca, una ricerca coerente e fatta di piccoli
passi, eremitica laddove nelle sue opere aleggia comunque un’atmosfera di quiete e di silenzi, essenziale per via di una
segnaletica coloristica e formale ben riconoscibile, ridotta all’osso, mai superflua. E se a questa ricerca si aggiunge il fatto
di aver lavorato sostanzialmente in solitudine (e non si vede come si possa fare ricerca in modo diverso), ai margini, quel
suo segno che si racconta da sé diventa anche metafora di un camminare ai confini della pittura, considerando che i confini
sono astrazioni che non hanno luogo perché partecipano sempre a più luoghi che delimitano in modo artificioso. Se
possiamo ricavare dall’opera di Talotta un insegnamento (e in questa parola emerge con forza e discrezione il termine
“segno”), è dunque un valore etico della pittura e della forma quello che ci verrà comunicato, una filigrana, questo sì, che ha
sempre caratterizzato ogni ricerca d’avanguardia nel senso moderno e modernista del termine e non in quello
contemporaneo, dal momento che la contemporaneità ha ormai abbandonata la ricerca a favore della spettacolarità e della
perversione scandalistica, effetti transculturali e non più etici.
Nelle opere di Talotta, anche nelle sue prime impronte di pneumatici su tela, che l’artista creava facendo realmente
camminare la propria automobile sulla superficie immacolata del supporto, si ravvisa dunque la storia essenziale della
pittura di ogni epoca. Una storia di un gesto mentale incarnatosi in una materia, in forme e colori che sono quello che
appaiono e che raccontano un’altra storia, più intima, privata, utopica perché senza luogo reale se non quello recluso dello
studio del pittore e del suo immaginario poetico e lirico. Una pittura povera quella di Talotta ma non povera pittura che
vuole essere compatita, bensì contemplata con uno sguardo che appartiene più all’occhio di un mistico che a quello di un
esteta, come inconsciamente credo testimoni la forma di dittico che Talotta ha dato a molte delle sue opere più recenti. Del
resto il santo Graal, la mitica coppa nella quale si è racchiuso e simboleggiato uno dei dogmi più straordinari e complessi
della fede cristiana, non poteva certo essere un calice d’oro tempestato di diamanti, bensì una povera coppa di legno
consumata dal tempo e che il tempo ha preservato intatta nel suo mistero e nella sua irraggiungibilità.”

Marco Tonelli,
presentazione mostra antologica Dai “Tracciati Urbani”1979 ai “Dittici” 2011,
21 aprile/13 maggio 2012, Palazzo degli Alessandri, Viterbo.



LIBA

Via G. Bruno 9 - 56025 Pontedera (PI)
Tel. 3472320947 - Fax 0587 684513
e-mail: libarte@tiscali.it
www.gallerialiba.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40