Passa ai contenuti principali

CIGLIA BIANCHE – L’ANGELO BARBONE - 28 maggio, Firenze


 ‘CIGLIA BIANCHE – L’ANGELO BARBONE’: INCONTRO CON IL “SENZA FISSA DIMORA” MISTRAL
Il libro di Ornella Marmeggi viene presentato il 28 maggio alle Giubbe Rosse di Firenze da Andrea Mannucci e Luana Collacchioni. L’appuntamento, a ingresso libero, è organizzato dalla Fondazione il Fiore.

Un incontro che diventa l’occasione per “imparare a rispettare i ‘senza fissa dimora’”, “per vedere con sguardo rinnovato la marginalità”, ma anche “per confrontarsi con se stessi e col mondo”. La sensibile ma non retorica testimonianza di un’esperienza dopo la quale i cosiddetti “barboni” non saranno più percepibili come categoria astratta ma come persone a tutto tondo con loro specifici vissuti individuali.
Viene descritto così, nella prefazione di Luana Collacchioni, il libro ‘Ciglia bianche – l’angelo barbone’ di Ornella Marmeggi (Ed. Ecig, 2011) che grazie alla Fondazione il Fiore verrà presentato martedì 28 maggio, alle 17, presso il caffè storico letterario fiorentino “Le Giubbe Rosse” (piazza della Repubblica 13-14 r) nell’ambito degli “Incontri letterari”. Ad illustrare il volume, al cospetto dell’autrice, educatrice e pedagogista clinica, saranno il professor Andrea Mannucci e la dottoressa Luana Collacchioni del Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia  dell’Università di Firenze. L’appuntamento, a ingresso libero, è coordinato da Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione il Fiore. Al termine è previsto un buffet.
Il libro di Ornella Marmeggi nasce in effetti da un'esperienza in prima persona: un incontro con un “senza fissa dimora” che le salvò la vita e la guidò nella scoperta dell'essenzialità delle cose. Verità e magia si alternano nelle pagine del testo svelando una saggezza antica oggi inghiottita dalla frenesia della vita moderna. Uno spaccato autobiografico che rivela al lettore un vuoto interiore capace di condurre l'autrice alla soglia del suicidio, dal quale la salverà appunto il misterioso personaggio di nome Mistral, avvolto da un alone di poesia.
L'autrice si occupa da anni dello studio del fenomeno dei “senza fissa dimora” conducendo ricerche sul campo e scrivendo libri sull'argomento, fra cui ‘Chiocciole di strada’ (2006) e ‘Hotel a mille stelle’ (2009),  i cui proventi vengono devoluti in beneficenza. Collabora con l'Università di Firenze tenendo laboratori e seminari all'interno dei corsi del Professor Andrea Mannucci e sensibilizzando gli studenti su un fenomeno che rischia di sfuggire alle più attente politiche sociali.

Per ulteriori informazioni, Fondazione Il Fiore. Tel: 055 224774



Ornella Marmeggi, educatrice e pedagogista clinica, nata e vissuta per molti anni all’Isola d’Elba, risiede attualmente a Livorno. Laureata presso la facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Firenze, da anni tiene seminari di studio nella stessa università sui “senza fissa dimora”, integrando il lavoro teorico con la pratica, conducendo gli studenti a fare conoscenza con queste persone.
L’autrice è impegnata quotidianamente nel sostenere e condividere questo mondo “altro” in tutte le sue manifestazioni. Ha pubblicato: ‘La nostra storia’ (1974), ‘Cenerentola con le ali’ (1998), ‘Chiocciole di strada’ (2006), ‘Hotel a mille stelle’ (2009).

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40