Passa ai contenuti principali

Arturo Carmassi - 25 maggio -26 giugno - Pontedera

Arturo Carmassi. Personale
Sede: Galleria Liba, Pontedera (PI)
Periodo espositivo: 25 maggio – 26 giugno 2013
Inaugurazione: 25 maggio 2013 ore 18;30
Indirizzo: Via G.Bruno, 9 56025 Pontedera (PI)
Aperto: giovedì, venerdì, sabato
Orario: dalle 17.00 alle 19.30
Ingresso: gratuito
Informazioni: 3472320947
Sito Web: www.gallerialiba.com
e-mail: libarte@tiscali.it



Galleria Liba - Pontedera (Pisa)



25 maggio – 27 giugno 2013

Inaugurazione: sabato 25 maggio ore 18.30

Inaugura il prossimo 25 maggio alla Galleria Liba di Pontedera la personale di Arturo Carmassi
sintesi inedita della sua produzione degli anni duemila.
Pittore, scultore, incisore nella sua lunga e feconda carriera Carmassi ha scandito la sua ricerca
artistica con coraggiosi testa-coda stilistici sperimentando la forma, il colore, la materia in ogni
possibile incarnazione, dal primo, luminoso, astrattismo fino ai cicli di quadri-collages dell’ultimo

COLLAGES
Le tele in mostra provengono da suite il cui titolo sembra ispirarsi alla materia di cui sono composte:
pagine di fumetti disneyani per  BANDAPATABITTE, spartiti musicali dove si rincorrono le note per
SERENATA, ma Carmassi non sembra interessato al prodotto che rielabora di per se, non è alla ricerca di un simbolo per esprimere le contraddizioni della contemporaneità come nell’arte pop; visti da lontano questi quadri nascondono perfettamente la materia che li compone, i minuscoli frammenti di riviste e giornali manipolati dalle mani dell’artista, compressi, schiacciati, strappati o semplicemente sovrapposti sembrano animati da un’interna vibrazione, danno un senso di armonia, creano curiosi e intensi effetti di luce e di spazio. Massimo esempio di questa tecnica è il ciclo denominato DESERTO: piccoli frammenti di comuni pagine di quotidiano, i caratteri neri e puntuti degli articoli che uniti formano uno spazio in movimento, linee e giochi di luce che evocano dune di sabbia, brulle colline di parole stampate battute dal vento.
Dopo aver interpretato le suggestioni delle avanguardie novecentesche con piglio da outsider, con queste opere Carmassi sembra volersi costringere alla semplicità, a un mezzo espressivo che richiama i giochi dell’infanzia, alla povertà di un materiale comune e quotidiano. Eppure i suoi collage non sono scomposti ne sperimentali, si percepisce la sicurezza del Maestro: la sapiente ricerca di un equilibrio, di una forma definita, di una luminosità nuova e vibrante.

Arturo Carmassi è nato a Lucca nel 1925, nei primi anni ’30 si trasferisce a Torino dove frequenta
l’Accademia Albertina. Fortemente influenzato dal cubismo e dal concretismo astratto esordisce nel 1946 alla  Mostra Nazionale del bianco e del nero.  Dalla fine degli anni ’40 l’artista si afferma con mostre personali in alcune gallerie torinesi con buon esito da parte della critica che gli favorirà l’incontro successivo con alcune delle più grandi espressioni artistiche di allora e la collaborazione con la prestigiosa Galleria 
Negli anni ’50 si dedica con particolare interesse alla scultura realizzando opere di grandi dimensioni
alcune delle quali esposte in una sala a lui dedicata alla Biennale di Venezia del 1962.
Nella seconda metà degli anni ’70 realizza un corpus importante di litografie e incisioni che verranno
raccolte nel journal perpétuel o le possibilità del segno e saranno esposte in vari musei in Europa e Brasile.
Dopo la pubblicazione di significative monografie (tra le quali quella di Giovanni M. Accame del 1980) viene considerato come uno degli artisti di riferimento nel panorama culturale internazionale. Da allora ha esposto in Musei e istituti culturali in Europa e America. Attualmente vive e lavora a Torre di Fucecchio.
Con quest’esposizione la Galleria Liba conferma la sua vocazione al contemporaneo e rinnova, in
collaborazione con il Comune di Pontedera che ha concesso il patrocinio all’iniziativa, il suo impegno  nell’offrire al territorio uno spazio d’arte in grado di attrarre artisti di grande importanza e rilevanza nel panorama nazionale e internazionale.

LIBA
Via G. Bruno 9 - 56025 Pontedera (PI)
Tel. 3472320947 - Fax 0587 684513
e-mail: libarte@tiscali.it
www.gallerialiba.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40