Passa ai contenuti principali

Salvatore Esposito tra anni sessanta e settanta - 30 ottobre - Milano


Salvatore Esposito tra anni sessanta e settanta 

Continua alla Galleria Schubert (via Fontana 11, 20122 Milano)
l'esposizione di opere appartenenti ad un significativo periodo della
nostra storia recente.
Conclusa la mostra dedicata all'opera di Bobo Piccoli è ora la volta di
Salvatore Esposito (Gallipoli 1937).
Martedì 30 ottobre si apre la mostra “Salvatore Esposito tra anni
sessanta e settanta”.
Quella di Salvatore Esposito è una storia personale molto differente da
quella che ha caratterizzato il percorso artistico di Piccoli. Approdato a
Milano negli anni sessanta, la città delle grandi promesse, da
giovanissimo viene invitato a partecipare al prestigioso premio San
Fedele. Proprio da questa partecipazione prende inizio la mostra. Il
dipinto "Una finestra per Ginetta" che non riuscì a fargli vincere
l'ambito premio nel 1962, ma che sancì l'inizio di un lungo percorso che
lo portò a meritarsi la cattedra all'Accademia di Brera, apre idealmente
l'esposizione, come antefatto delle opere del decennio in oggetto.
Come dice Marco Valsecchi: “i quadri più lontani nel tempo accostano
il paesaggio con un apertura di prospettive ancora naturalistiche.
Ma già il colore e la sintesi formale, a macchie espanse, a zonature
cromatiche, se ne distaccano e impongono una visuale diversa.”
Una visuale che lo porteranno verso un “astrattismo lirico”, una
retinatura cromatica cangiante che diventerà per molto tempo la sua
riconoscibile cifra stilistica.

Dal 30 ottobre al 16 novembre
orari: da martedì a venerdì 11~19; lunedì 15~19
chiuso sabato e domenica

Galleria Schubert
via Fontana 11
20122 Milano Mi
+39 0254101633 - schubert1@interfree.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40