Passa ai contenuti principali

Giacomo #Durazzo - 18 ottobre - #Lyceum - Palazzo Giugni - #Firenze

 
UN LIBRO SU GIACOMO DURAZZO: 
SE NE PARLA AL LYCEUM DI FIRENZE

A presentarlo il 18 ottobre a Palazzo Giugni 
l’autrice Angela Valenti Durazzo. 
Ingresso libero.

Corrispondente di Voltaire, librettista e organizzatore di spettacoli che valorizzò il compositore tedesco Gluck e accolse il giovane Mozart alla corte degli Asburgo: Giacomo Durazzo (Genova 1717 – Venezia 1794) è stato uno degli esponenti di maggior spicco della grande famiglia genovese dei Durazzo, che era originaria dell’Albania e ha dato a Genova dal XIV secolo in poi ben 9 dogi (fra cui suo fratello Marcellino).
A lui è dedicato l’appuntamento di giovedì 18 ottobre, alle 17,30, al Lyceum Club Internazionale di Firenze (via Alfani 48), a cura della compianta presidente Maria Grazia Beverini Del Santo e di Elisa Acanfora, professoressa di Storia dell’arte all’Università della Basilicata: la presentazione del libro ‘Il fratello del doge: Giacomo Durazzo, un illuminista alla corte degli Asburgo tra Mozart, Casanova e Gluck’ di Angela Valenti Durazzo (Massetti Rodella Editori 2012) da parte dell’autrice stessa, che sarà introdotta da Elisa Acanfora e Mirka Sandiford, presidente ad interim del Lyceum fiorentino.
Giacomo Durazzo fu ambasciatore di Genova nella Vienna di Maria Teresa d'Austria e fu uno dei personaggi chiave della sua straordinaria vita culturale. In corrispondenza con Voltaire, autore di libretti, organizzatore di concerti e di spettacoli teatrali, Giacomo Durazzo fu colui che a Vienna valorizzò il genio del compositore tedesco Christoph Wilibald Gluck (Erasbach 1714 – Vienna 1787) e che accolse a corte il giovane Wolfgang Amadeus Mozart con il padre Leopold. Fu segretario privato di Maria Teresa e fu poi nominato ambasciatore imperiale a Venezia. Creatore del primo nucleo dell'Albertina di Vienna, a lui si deve anche la più importante collezione di manoscritti vivaldiani.
Ingresso libero.
Per informazioni, Mirka Sandiford, tel: 055-3249190

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40