Passa ai contenuti principali

Città Dissolte - Riccardo Luchini - 11 ottobre-1 novembre Roma

Città Dissolte
di Riccardo Luchini

DALL’11 OTTOBRE AL 1 NOVEMBRE 2014


Galleria Magenta Nuova Dimensione è lieta di presentare Città
dissolte, nuova mostra personale di Riccardo Luchini. L’artista, nato
a Milano nel 1949 ma naturalizzato toscano, torna a confrontarsi con
gli spazi della galleria magentina, esponendo una serie di nuovi
lavori il cui tema principale si rivela essere la città moderna, in
tutti suoi aspetti.
Un soggetto caro alla ricerca di Luchini, che da anni indaga le forme
di urbanizzazione che hanno portato le città a trasformarsi in grandi
e perenni cantieri a cielo aperto, soprattutto nelle zone al limite
delle periferie, dove il peso del cemento trova spazio in costruzioni
svettanti, complesse, a volte fatiscenti nei loro scheletri
abbandonati. Sono luoghi in cui la modernità ha preso casa, spesso in
modo irruente e disarmonico rispetto al paesaggio naturale
circostante, e che oggi appartengono agli scenari di ogni grande
città. Nei dipinti di Luchini, infatti, si riconosce qualcosa di
familiare, di conosciuto: sono visioni che tutti abbiamo negli occhi,
che sentiamo come vicini all’idea di urbanizzazione del nuovo
millennio. Le pennellate - veloci e irruenti - in pochi tocchi
descrivono la fisicità di queste costruzioni e imprimono al paesaggio
un dinamismo tipico dei ritmi frenetici da metropoli. La calibrata
composizione e l’ardita prospettiva si fondono in una pittura
dinamica, gestuale e ponderata al tempo stesso: ogni  nota di colore,
infatti, descrive non solo un dettaglio reale, ma evoca anche una
sensazione precisa, quella che si prova nel camminare e nel vivere la
città “espansa”.
La totale assenza dell’uomo nei lavori di Luchini avanza più di una
riflessione: in questo scenario desolato e artificiale, dove è finito
l’uomo? Quale è il suo nuovo ruolo? Negli ultimi 50 anni, il progresso
ha portato a costruire nuovi orizzonti e nuovi ambienti, ma spesso lo
ha fatto senza considerare l’aspetto più vivo e umano di un contesto
urbano. Tuttavia nei quadri di Luchini sembra non esistere una
denuncia aperta, bensì la lucida constatazione degli aspetti più
ombrosi della realtà che ci circonda e la consapevolezza che non
sempre il progresso è il raggiungimento di un miglioramento.
La pittura di Luchini non intende scaturire negatività, bensì
raccontare la nostra modernità e dipingere quella consapevolezza che
appartiene ad ogni uomo del XXI secolo.

Galleria Magenta S.r.l.            Giorni e orari di apertura:
Via Roma 45                dal Martedì alla Domenica
20013 Magenta (MI)            09:30-12:30  15:30-19:30
Tel. 02/9791451 r.a.            Giorno di chiusura: Lunedì
info@galleriamagenta.it
www.galleriamagenta.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40