Passa ai contenuti principali

AQA - 14 marzo 16 Aprile 2012 - PRESENT ART SPACE



Dal 14 Marzo  al 16 Aprile 2012
PRESENT ART SPACE
Via dei Serragli 56r/58r – 50124 Firenze
Orari di apertura: LUN/VEN – h. 15,30/19,30
Tel/Fax: +39 055 2645767
www.wepresentart.com

  Inaugurerà mercoledì 14 marzo 2012, alle ore 19, presso il Present Art Space di Firenze, “AQA”, una mostra omaggio all’Acqua, all’elemento che è il simbolo stesso della Vita.

Oggi la questione dell’acqua – nel contesto della gestione e dello sfruttamento delle risorse naturali –  è sempre più attuale e oggetto di cronaca: dai cambiamenti climatici (siccità, desertificazioni, alluvioni, tsunami...) alle speculazioni societarie legate all’uso e alla commercializzazione sconsiderata dell’acqua imbottigliata, nonché all’acceso dibattito sul significato dell’acqua come ‘bene comune’.

L’acqua fa parte del nostro quotidiano, essa è onnipresente in tutto ciò che coinvolge la vita e la sopravvivenza. Come il pianeta “Terra” anche noi siamo composti principalmente d’acqua ed è forse questo uno dei motivi per cui questo elemento ha da sempre esercitato sull’Uomo forti valenze simboliche e psicologiche, tanto da essere al centro della riflessione di molte religioni, antiche filosofie e tradizioni∗.

La mostra “AQA” presenterà alcune delle opere più significative di 6 artisti, italiani e stranieri, che hanno fatto dell’Acqua e del mondo subacqueo il motivo ispiratore della loro ricerca artistica. I dipinti di Antonio Guarnieri, Nuria Meseguer e PeiHan, le sculture di Andrea Nicita e Ryota Shioya, la fotografia di Stefano Ridolfi, sono capaci di risvegliare sentimenti e memorie ataviche, sensazioni profonde che fanno parte dell’esperienza umana. Ciascun artista approccia la tematica con i mezzi della propria arte, ma ognuno di loro ribadisce lo stesso intimo legame e il senso di fusione col Tutto che questo elemento primario è in grado di suscitare.

Protagonista d’innumerevoli credi, miti e riti, l’Acqua è un archetipo dell’inconscio collettivo, di essa si nutre un ricco e variegato mondo immaginifico popolato di divinità, leggende, luoghi sacri e creature misteriose, manifestazioni del subcosciente e degli strati più profondi della personalità.

La mostra, visitabile fino al 16 Aprile, vuole essere uno spunto di riflessione sul significato reale e simbolico che questa sostanza preziosa - informe e incolore, insapore e inodore, libera e dinamica - rappresenta per ognuno di noi… e per ricordarci che niente più di ciò che oggi appare scontato è in realtà essenziale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Liliana Fumagalli

Liliana Fumagalli, inizia il suo percorso artistico utilizzando matita e acrilici su pietra. L’incontro con Magdalena Grandi, avviene dopo la maternità e, da quel momento, sviluppa la passione per la pittura ad olio. Attratta dalle persone di altre etnie, decide di focalizzarsi sui volti perché esprimono emozioni, stati d’animo, desideri. Ha una particolare attenzione per il dettaglio quindi si cimenta con fiori, oggetti e nature morte.                                     Leggi L'intervista  

Luciano Piseri

E’ maestro nell’arte dell’acquerello, una tecnica tanto difficile quanto coraggiosa. Osserviamo i suoi papaveri animati di straordinaria vivacità di tono, resa con decorativa eleganza. Luciano Piseri Associazione Giuseppe Mazzon Papaveri Acquerello, 40x48