Passa ai contenuti principali

FiorGen, partono da 100 euro le opere per finanziare la ricerca

FiorGen, partono da 100 euro le opere per finanziare la ricerca
All’asta capolavori di Lazzeri, Maranghi, Franchi, Staccioli, Alinari, Ghelli e molti altri

Firenze, 9 gennaio 2014 - Una base d’asta simbolica, di 100 euro, per le opere di grandi maestri della pittura, della scultura e della fotografia insieme a quelle di giovani rivelazioni che hanno un valore di mercato anche 30 o 40 volte superiore. E’ questa l’opportunità offerta da “Arte per la Ricerca FiorGen” (IX edizione), l’iniziativa promossa a Firenze dalla Fondazione di Farmacogenomica FiorGen Onlus.

Artisti del calibro di Franco Franchi, Paolo Staccioli, Luca Alinari, Antonio Possenti, Giovanni Maranghi, Francesco Nesi, Luciano Ghelli, Lorenzo Lazzeri e molti altri per complessive 81 opere selezionate dal curatore Filippo Lotti saranno battute all’asta da Roberto Milani, tutte con base d’asta di 100 euro. Il catalogo completo è consultabile sul sito www.fiorgen.net.
  
Le opere donate, in mostra al Museo Archeologico Nazionale di Firenze, saranno messe all’asta sabato 11 gennaio 2014 a partire dalle 15 nella loggia Luni del museo stesso (ingresso via della Pergola 65). L’intero compenso ottenuto dalla vendita delle opere sarà devoluto a FiorGen.

“La disponibilità degli artisti e l’accoglienza che essi trovano fra i cittadini che partecipano ai nostri eventi dimostrano quanta partecipazione, vicinanza, solidarietà ci sia nel raccogliere fondi perché siano destinati alla ricerca biomedica, all’applicazione farmacologica, al sapere scientifico”, sottolinea Gianfranco Gensini, presidente del Consiglio direttivo di FiorGen, la Onlus nata per volontà della Camera di Commercio di Firenze e dell’Università degli Studi di Firenze, finanziata dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze oltre che dalle libere donazioni.

La partecipazione diretta all’asta non è l’unico modo per portarsi a casa grandi capolavori. Per le opere in catalogo è possibile anche fare un'offerta silenziosa al banco utilizzando l'apposito modulo scaricabile sul sito www.fiorgen.net e inviandolo via mail (fino a sabato 11 gennaio alle 13) a catia.giaccherini@gmail.com oppure al fax 055.2399213 (fino a venerdì 10 gennaio alle 12).

Non ci sono diritti d'asta. La donazione a sostegno della ricerca è detraibile dalla dichiarazione dei redditi se il pagamento avviene con assegno o bonifico bancario.

Marco Bastiani
Ufficio Stampa Camera di Commercio di Firenze

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40