Passa ai contenuti principali

Lyceum - Ma non è una cosa seria - 28 febbraio - Firenze


AL LYCEUM DI FIRENZE ‘MA NON E’ UNA COSA SERIA’: PROIEZIONE CON COMMENTO DI MARINO BIONDI
Giovedì 28 febbraio a Palazzo Giugni la messa in onda Rai del 1983 della commedia di Pirandello interpretata da Calindri e Solenghi

Un matrimonio di facciata nato come soluzione “logica” dei problemi di un dongiovanni sempre nei guai e poi diventato una trappola, che sarà però risolta nel finale col trasformarsi del legame in cosa seria.
Può essere riassunta così la trama della commedia di Luigi Pirandello ‘Ma non è una cosa seria’ del 1918. La sua realizzazione teatrale, diretta da Edmo Fenoglio, con Ernesto Calindri, Tullio Solenghi e Maria Teresa Martino, che fu messa in onda dalla Rai nel novembre del 1983, sarà proiettata in dvd al Lyceum Club Internazionale di Firenze giovedì 28 febbraio alle 17,30 (via Alfani 48). A commentarla sarà Marino Biondi, professore di Storia della critica all’Università di Firenze. L’ingresso è libero.
Un giusto titolo per questa commedia in tre atti di Pirandello (Agrigento 1867 – Roma 1936), che è ispirata a due sue precedenti novelle quali ‘La Signora Speranza’ (1902) e ‘Non è una cosa seria’ (1910), potrebbe essere «Un dongiovanni che impara la lezione». Il protagonista è Memmo Speranza, uno spensierato seduttore che per evitare incidenti e duelli con i familiari di donne sedotte e abbandonate escogita un finto matrimonio con una donna ritenuta insignificante: Gasparina, proprietaria di una pensione. Ma la soluzione si rivela un falso ragionamento quando Memmo si accorge di essersi innamorato di una delle sue conquiste ma di non poterla più sposare. Malgrado la lezione morale di Pirandello (la vita «non è una cosa seria» agli occhi della logica), la commedia si chiude in un lieto fine: Gasparina riuscirà a conquistare veramente il marito e il matrimonio per scherzo diventerà una cosa seria.
L’evento, organizzato dalla sezioni Letteratura e Sociale, presiedute rispettivamente da Enza Biagini e Mirka Sandiford, rientra nella rassegna “Gli anni Trenta al Lyceum di Firenze e i valori della contemporaneità” che ha avuto il sostegno dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e il patrocinio di Provincia, Comune e Quartiere 1.
Per informazioni, Mirka Sandiford, tel: 055-3249190

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40