Passa ai contenuti principali

LYCEUM FIRENZE: “PARTITA A QUATTRO” - 17 gennaio


SECONDO “INCONTRO” CON LUBITSCH AL LYCEUM DI FIRENZE: “PARTITA A QUATTRO”

Il 17 gennaio al club fiorentino proiezione del film, assai spregiudicato per il 1933, a cura di Mirka Sandiford, presidente della sezione Sociale, che organizza il 19 gennaio una visita guidata alla mostra del Lyceum “Gli anni Trenta al femminile”. Ingresso libero per entrambi gli appuntamenti.


E’ “Partita a quattro” (Design for Living, Usa 1933), film spregiudicato per l’epoca che mette in scena un sia pur platonico ménage à trois (temporaneamente interrotto da un quarto personaggio), il secondo film di Ernst Lubitsch che viene proiettato quest’anno al Lyceum Club Internazionale di Firenze nell’ambito della rassegna “Gli anni Trenta al Lyceum di Firenze e i valori della contemporaneità”.
La proiezione, organizzata dalle sezioni Sociale e Letteratura del club femminile, avverrà giovedì 17 gennaio alle 17,30 a Palazzo Giugni (via Alfani 48) con ingresso libero. A introdurre il film, che ha per attori protagonisti Miriam Hopkins, Fredric March, Gary Cooper e Edward Everett Horton, sarà Mirka Sandiford, presidente della sezione Sociale, che cura anche il 19 gennaio una visita guidata gratuita su prenotazione alla mostra in corso al Lyceum fiorentino “Gli anni Trenta al femminile - libri e documenti d’archivio del Lyceum” (per prenotare: tel. 055-3249190). Esposizione in cui trovano spazio alcune interessanti opere d’arte, documenti di valore storico e fotografie d’epoca, oltre ai libri, le lettere, i bollettini e i reportage del primo club culturale femminile italiano.
Versione cinematografica dell’omonima commedia teatrale di Noël Coward (Progetto di vita), che aveva avuto un grande successo a Broadway, il film di Lubitsch è basato su una totale riscrittura ad opera dello sceneggiatore Ben Hecht del testo teatrale originario. La pièce divenne «uno spensierato inno ai piaceri della vita»: un triangolo con al centro una donna, Gilda, fra due spasimanti. La quale a un certo punto afferma esplicitamente: «mi è successo quello che di solito succede agli uomini». Una conferma dello spirito anticonformista del grande regista - reso manifesto dall’atteggiamento spensierato e privo di senso di colpa dei personaggi - che anche in questa sophisticated comedy coraggiosa che ebbe problemi di censura rivela tutte le sue abilità e quel peculiare tocco leggero, che Wilder definì «tocco alla Lubitsch», in cui confluivano umorismo e sottile ma piccante erotismo.
La rassegna “Gli anni Trenta al Lyceum di Firenze e i valori della contemporaneità” è patrocinata da Provincia, Comune e Quartiere 1. Le iniziative del Lyceum di Firenze sono sostenute dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

Per informazioni, Mirka Sandiford, tel: 055-3249190

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40