Passa ai contenuti principali

#CARTA Common Ground - 8-22 dicembre - #SpazioLinea Firenze

CARTA Common Ground

The common ground of all the artists is…l'arte stessa. In questo caso "arte su carta", forse il più versatile, resistente, emblematico e simbolico supporto per la trasmissione del "fare" creativo che, sulla carta, si trasmette alla genti a venire. Nel rispetto, oserei aggiungere, della profezia di Paul Klee quando egli afferma che il nostro futuro è nelle mani degli uomini creativi.
Quanto alla specifica finalità della manifestazione ch'è dedicata al sostegno della ricerca e della formazione universitaria credo nulla debba essere detto: ciò si motiva e si spiega da solo.


Artisti

Abbate, Alinari, Baldecchi, Bargellini, Biancalani, Biasion, Bindella, Budetta, Cacciarini, Cancogni, Cappelletti, Cappellini, Castelvecchi, Cecchetti, Ceccotti, Celona, Cerella, Chilleri, Cirillo, Consiglio, Cremonini, De Robertis, Dell'Innocenti, Donatelli, Doni, Donin, Dorigo, Favilena, Farulli, Fornaci, Fuad, Gabbia, Galletti, Ghelli, Granchi, Guetta, Iovene, Kahatapitiya, KPK, Lambertucci, Lomi, Maranghi, Margari, Martinangeli, Mattrel, Meli, Melo, Modigliani, Pachioli, Pacini, Paolelli, Paoli, Pazzagli, Pergolini, Pianini, Pini, Podestà, Possenti, Sani, Scatizzi, Serafini, Sodi, Sole Costa, Steinberg, Stocchi, Talani, Tamanini, Tassinari, Vadalà, Vallini, Villagomez.
 
 

La funzione sociale dell'Arte

Carta, Common Ground, evento ospitato e promosso da Linea Spazio Arte Contemporanea è un segnale, per dirla in estrema sintesi, volto a manifestare la singolarità della nostra realtà espositiva che, da un lato, fiancheggia la Biennale, dall'altro, sostiene iniziative deliberatamente focalizzate su quella che potrei definire una funzione sociale dell'arte.
Devo ringraziare per questa iniziativa l'Associazione FiorGen Onlus nelle persone di Catia Giaccherini e Giovanna Folonari e la Stamperia D'Arte Edi Grafica di Filippo Becattini e la Stamperia del Tevere, per il loro generoso contributo. Ringrazio per lo straordinario lavoro la curatrice di questo evento, Lilia Lamas e la coordinatrice Angelina Herrera, ma soprattutto un ringraziamento speciale va a tutti gli Artisti e alla loro generosa partecipazione.

Jacopo Celona - Direttore LINEA

Etica dell'Arte

Il senso, l'idea è nel titolo, il lato nascosto ma non troppo, l'alto significato etico dell'evento è dichiarato sull'invito alla manifestazione laddove si legge che l'offerta di acquisizione delle opere esposte, è finalizzata al sostegno della ricerca scientifica per i ricercatori del Polo Scientifico di Sesto Fiorentino.
Gli Artisti in listino propongono un profilo eterogeneo e tuttavia sintomatico della frastagliata realtà artistica contemporanea comprendente l'eccellenza, cosi come l'ordinarietà che tuttavia va manifestando un valore aggiunto e sempre straordinario: il comune denominatore, qui simbolicamente interpretato dalla carta, il quid dato dalla creatività artistica. L'arte, infatti, è il respiro estetico, il sapore estetico di cui scriveva Duchamp, che riscatta ogni contingenza nobilitandola.
In breve, questo è il senso e questi sono i valori che sottendono la sfida proposta attraverso questo evento. Richiamare sottotraccia l'attenzione di tutti sul ruolo salvifico dell'umanità intera recitato dall'arte; ruolo risalente al fondamentale carattere distintivo della Città di Firenze, l'Umanesimo.
L'invito a partecipare a questa potenziale acquisizione di opere d'arte finalizzata al potenziamento della ricerca scientifica e formativa della Città di Firenze, che è stata la capitale del Rinascimento, è dunque un invito a contribuire, in qualche modo, a ciò che potrei definire la vocazione di Firenze e al tempo stesso la vocazione pure del nostro impegno quale si estrinsecherà esplicitamente nella IXa edizione della Biennale Internazionale dell'Arte Contemporanea di Firenze che ha per tema Etica, DNA del Arte.

Lilia Lamas - Curatore LINEA

L'essenza di LINEA

Il coordinamento di un evento come questo può rappresentare in filigrana l'essenza stessa del nostro impegno. Noi operiamo per la comunità, per la società aperta e civile quale è intesa e argomentata da Karl R. Popper, in cui la parola "modernità" sta per "civiltà" e dove i valori che furono il fuoco o l'anima della Rivoluzione francese, sono ancora vivi e presenti. Eredità, del resto, del Rinascimento di cui Firenze è stata la culla.
Ecco perche l'impegno di coordinare una possibile vendita di opere di artisti eterogenei è un impegno rilevante e, a mio modo, delicato; un impegno che personalmente, mi ha coinvolta senza riserve e che ci ha coinvolto tutti senza misura, nell'intento aggiuntivo di profilare il diverso e nuovo ruolo di una struttura offerta all'arte contemporanea qual è LINEA.

Angelina Herrera - Coordinatrice Eventi

CARTA Common Ground

Esposizione e Vendita di Disegni, Incisioni, Acquerelli e Litografie d'Autore

Parte del ricavato sarà devoluto a favore di FiorGen Onlus per il finanziamento della ricerca del Polo Universitario di Sesto Fiorentino

Inaugurazione:
Sabato 8 Dicembre 2012 - ore 17:30

dal lunedì al venerdì - ore 10:00 17:30
sabato su appuntamento

Links

unsubscribe | spaziolinea.org
Join our Communities: Facebook

Do not reply to this email! This email is being sent by an automated message system. To unsubscribe, please use the link provided in this newsletter.
To contact us, send an e-mail to: info@spaziolinea.org | www.spaziolinea.org/contatti

Arte Studio S.r.l., Via delle Porte Nuove 10, 50144 Firenze, Italy;
phone: +39 055 32 49 173 | fax: +39 055 33 35 40

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40