Passa ai contenuti principali

Omaggio a Dante Alighieri Paolo Gubinelli - 03-30 Agosto - Pesaro Urbino



MONASTERO DELLA CROCE DI FONTE AVELLANA

Omaggio a Dante Alighieri
Paolo Gubinelli, l’opera su carta
Testo di Antonio Paolucci
Dal 3 al 30 agosto 2013

Per informazioni:
tel. 0721 – 730261
La mostra è visitabile negli orari delle visite guidate al Monastero dal
lunedì al sabato, ore 10,00 - 11,00 – 15,00 – 16,00 – 17,00
festivi, visite ogni 30 minuti, dalle 10,00 – 12,00 – 15,00 – 17,30

Ho visitato il Monastero della Croce di Fonte Avellana e sono rimasto veramente colpito dal paesaggio e dalla natura delle pendici del Monte Catria; si trova nel comune di Serra Sant'Abbondio, nella provincia di Pesaro e Urbino. Un vero sogno: il silenzio, la meditazione, il profumo degli alberi, il canto degli uccelli come una vera sinfonia che accarezza la nostra anima nella concentrazione a scoprire ogni minuto nuove scenografie circondate da questo spazio suggestivo. Notevole impulso diede all'abbazia l'opera di San Pier Damiani, che qui divenne monaco nel 1035 e Priore dal 1043. “Sono stato ospitato dai monaci per esprimere di nuovo la mia espressione artistica in questo luogo essenziale”. Stimolato dalla fantasia e dalla concentrazione, ho creduto opportuno costruire un progetto per rendere omaggio a Dante Alighieri. L'Eremo viene citato nella Divina Commedia (Paradiso, canto XXI) da Dante Alighieri, il quale sembra che ne sia stato anche ospite.
Nella suggestiva cripta sono installate tre carte tonde con segni in rilievo, sospese sopra l’altare con un filo trasparente agganciato al soffitto. Queste opere possono simboleggiare l’ostia, in un momento di preghiera e di concentrazione, i segni in rilievo accompagnano il nostro sguardo dall’alto per comporre una nota musicale accompagnata dalla parola. Avanti l’altare si trova un leggio con un libro grande di carta a mano e graffi in rilievo per rendere un pensiero a chi sente lo spessore del segno come un vero canto che ci accompagna nel silenzio in uno spazio lirico e profondo.
Nella Sala Giovanni da Lodi sono invece installate opere su polistirolo trasparente con piegature, incisioni e colori acquerellati, opere verticali che scendono dall’alto come papiri. Queste opere rappresentano uno spazio mentale “colore-spazio-luce”. L’opera richiama l’attenzione all’ambiente con ombre e luci che riflettono nelle pareti, sono tutt’uno come uno spartito musicale, luogo dello spirito, luogo di serenità, luogo di concentrazione, di meditazione e di preghiera in una funzione moderna che coinvolge l’opera attraverso il nostro sguardo.
Ho voluto rendere “omaggio a Dante Alighieri” con una cartella, opera originale su carta, incisioni colori sfumati delicati a cera accompagnati da versi del Paradiso, canto XXI (28-45)-(106-111)-(139-142). Quest’opera esposta, a fine mostra, verrà donata alla famosa Biblioteca Moderna ed andrà ad arricchire il patrimonio già famoso per la presenza di tanti importantissimi documenti.
Ringrazio i Monaci che hanno accolto con interesse il mio progetto.


Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40