Passa ai contenuti principali

della Fondazione il Fiore di Firenze 07- 11- Firenze


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
INCONTRO CON HUGO MUJICA ALLA FONDAZIONE IL FIORE DI FIRENZE
 

Il 7 novembre il poeta argentino, in tournée in Italia per il suo ultimo libro ‘E sempre dopo il vento’, sarà presentato da Martha Canfield e Roberto Pasquali. Ingresso libero.

 

Dai mitici anni ’60 al Greenwich Village di New York come artista plastico e l’amicizia di Allen Ginsberg, all’esperienza in Europa di vita monastica nell’Ordine Trappista con il voto del silenzio per sette anni, fino al ritorno in Argentina e il sacerdozio: la sua vita non comune e i numerosi viaggi hanno segnato l’opera di Hugo Mujica, filosofo, teologo, ma soprattutto poeta fra i più importanti della letteratura argentina.

Hugo Mujica, in Italia in questi giorni per presentare il suo ultimo libro di poesie ‘E sempre dopo il vento’ (Raffaelli Editore 2013), sarà alla Fondazione il Fiore di Firenze (via San Vito 7) giovedì 7 novembre alle 17 in un incontro a cura di Maria Giuseppina Caramella, presidente della fondazione. A introdurlo e conversare con lui interverranno Martha Canfield, presidente del Centro Studi Jorge Eielson (sulla letteratura e l’arte italo-latinoamericane), e Roberto Pasquali. L’ingresso è libero.

«Quella di Mujica è una poesia della concentrazione estrema – ha scritto Gianfranco Lauretano su www.ilsussidiario.net -, che si gioca su pochi elementi, scelti con cura diligente e raffinata. In Italia il grande modello di questo stile sono le poesie di guerra di Giuseppe Ungaretti. Anche per Mujica, infatti, lo spazio bianco della pagina è estremamente importante. E’, come per Ungaretti, il silenzio in cui ascoltare la voce profonda dell’essere. Dice un suo testo: “il viaggio più / lontano / è la calma”, proprio quella che occorre per trovare un nuovo inizio, una nascita autentica, liberata da tutte le scorie di un io che non ha più nulla di puro. “cerco un’alba vergine di me”».

Hugo Mujica è nato a Buenos Aires nel 1942. Ha studiato Belle Arti, Filosofia, Antropologia Filosofica e Teologia. Questa varietà di studi è presente nella sua opera che comprende tanto la filosofia, come l’antropologia, o la mistica e la narrativa e soprattutto la poesia.

Tra i suoi principali libri di saggistica: Kyrie Eleison (1991), Kénosis (1992), La palabra inicial (1995), Flecha en la niebla (1997), Poéticas del vacío (2002), Lo naciente (2007), La casa y otros ensayos (2008) e La pasión según Georg Trakl (2009). Solemne y mesurado (1990) e Bajo toda la lluvia del mundo (2008) sono i suoi due libri di racconti.

La sua opera poetica, iniziata nel 1983, è stata pubblicata in Argentina, Spagna, Italia, Francia, Messico, Stati Uniti, Cile, Slovenia e Bulgaria. Nel 2005 la casa editrice Seix Barral ha raccolto i suoi versi in Poesía completa 1983-2004, nel 2011 è uscito il suo ultimo libro di poesia Y siempre después el viento.


Per ulteriori informazioni, Fondazione Il Fiore. Tel: 055 224774

 



COME RAGGIUNGERE LA FONDAZIONE IL FIORE (via San Vito 7, Firenze)

In macchina: partendo da piazza Tasso, prendere via Villani. Giunti a piazza S. Francesco di Paola, imboccare via di Bellosguardo e proseguire fino a entrare in via di San Vito (attenzione strada stretta e a doppio senso di marcia).

In autobus: dalla Stazione centrale prendere il 6/B. Scendere in Via Masolino e entrare in Via Domenico Veneziano. Al semaforo proseguire per Via di San Vito e salire fino al n° 7 (circa 10 minuti a piedi). L’ultimo tratto di circa 200 mt è in acciottolato.



Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

ART 3.0: AutoRiTratto di Massimo Cantini

Pontassieve. Cinque anni dopo ha dipinto il Palio di Torrita di Siena, e il Comune di Pontassieve ha acquistato due grandi dipinti, adesso posti nella Sala Consiliare del Comune stesso. È presente nel volume  Storia dell'arte italiana del '900  a cura di Giorgio Di Genova. Nel 2013 è stato insignito, dal Lions Club Valle della Sieve, del prestigioso riconoscimento Melvin Jones Fellow (Filippo Lotti,  50 pittori toscani per 50 cantanti toscani , 2010).                                                                                                            Leggi L'intervista

Gino Tili

Intreccia discorsi che si collocano tra realtà e sogno, tra passato e presente. Immagini dal segno dinamico, rese armoniose da un colore equilibrato, da una fantasia scaturita dal proprio mondo. Gino Tili Dono FirenzArt Senza titolo Tempera su carta, 30x40