Passa ai contenuti principali

SARTRE E DE BEAUVOIR ATTRAVERSO GLI OCCHI DI UN’AMICA - 7 marzo - Lyceum Firenze

 SARTRE E DE BEAUVOIR ATTRAVERSO GLI OCCHI DI UN’AMICA
 Madeleine Gobeil il 7 marzo al Lyceum di Firenze parla del suo famoso film-intervista del 1967 che ritrasse per la prima volta sullo schermo la celebre coppia di intellettuali francesi nell’intimità. La proiezione del documentario è a ingresso libero.

  La giornalista scrittrice canadese Madeleine Gobeil, amica di Simone De Beauvoir, nel 1967 realizzò tre filmati di un’ora su Jean-Paul Sartre e la de Beauvoir: un dossier su ciascuno dei due scrittori visti separatamente e un loro “Ritratto incrociato” nell’intimità della vita quotidiana in comune. Era la prima volta che la coppia di intellettuali parigini più famosa del Novecento si metteva a nudo sullo schermo, e il film-intervista destò grande interesse in tutto il mondo.
 Giovedì 7 marzo, al Lyceum Club Internazionale di Firenze, alle 18, verrà proiettato il celebre “Ritratto incrociato” di Sartre e de Beauvoir e a illustrarlo sarà l’autrice stessa, Madeleine Gobeil-Noël. L’incontro, a cura di Enza Biagini, presidente della sezione Letteratura dello storico club femminile, e Irene Weber-Froboese, vice presidente della sezione Musica, è stato possibile grazie alla collaborazione con Anne Rabeyroux, Console onorario della Repubblica Francese e direttrice dell'Institut Français di Firenze, con il sostegno di Christine Plänk (Monaco, Germania).
Madeleine Gobeil, nata a Ottawa e laureata in Letteratura a Montreal nel 1963, con successivo dottorato in Sociologia all’Università di Tours (1972-74), ha affiancato alla vita accademica in Canada e in Francia l’attività di giornalista sia nella carta stampata che in radio e televisione. In questi suoi impegni ha avuto modo di conoscere numerose personalità importanti della cultura continentale e anglosassone, tra le quali – oltre a Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir – Jean Genet, Norman Mailer, Marguerite Duras e Iris Murdoch, tanto per citarne alcune. E ha realizzato interviste e reportages per molte testate.
Ma l’amicizia con Simone de Beauvoir è precedente. A quindici anni aveva iniziato una corrispondenza epistolare con la scrittrice francese, che poi conobbe nel 1958 a Parigi. Fu un’amicizia fedele che durò fino alla morte della scrittrice nel 1986.
Nel 1975 Madeleine Gobeil è entrata a far parte dell'Unesco dove verrà nominata direttrice delle arti e della cultura e presterà la sua opera fino al 1997. Ha lavorato sul campo attraverso cinque continenti, organizzando con la sua squadra centinaia di convegni, seminari, conferenze e meeting sulle arti, sull'artigianato e sulla condizione della donna nei Paesi in via di sviluppo.
Nel 2008 Madeleine Gobeil ha ripreso il  suo bastone da pellegrino per percorrere il mondo presentando film e conferenze su Simone de Beauvoir in occasione del centenario della nascita della scrittrice. Madeleine, che è rimasta molto legata al proprio paese, il Canada, divide spesso la propria esistenza tra Parigi e la sua casa in Toscana, continuando a dare il proprio sostegno alle iniziative delle università francofone per la diffusione della cultura e della lingua francese. Nel 2013, per continuare a mantenere il suo impegno di fedeltà verso la celebre coppia, ha accettato di partecipare a un breve tour toscano che tocca Carrara (il 5 marzo), Firenze (il 7 marzo, appunto, al Lyceum) e Pisa (8 marzo). 

Per informazioni, Mirka Sandiford, tel: 055-3249190

Commenti

Post popolari in questo blog

Art 3.0. AutoRiTratto di Fabio Magnasciutti

“ M i chiamo Fabio Magnasciutti e sono nato a Roma nel 1966 . S ono un illustratore e vivo di questo da circa 25 anni ma negli ultimi sei o sette, mi dedico massicciamente alla satira. H o pubblicato numerosi libri con la casa editrice Lapis e con altri editori e illustrato diverse campagne per le aziende SARAS, ENEL, API, MONTEDISON e altre. Tra le mie collaborazioni figurano la Repubblica, l'Unità, il Fatto Quotidiano, gli Altri, Linus, Left, il Manifesto mentre ho curato sigle e animazioni dei programmi "Che tempo che fa" edizioni 2007 e successive e di "Pane quotidiano" (RAI 3) . P er il programma AnnoZero edizione 2010-2011 e Servizio pubblico ho realizzato alcune illustrazioni . Insegno illustrazione editoriale presso lo IED di Roma e nel 2005 ho fondato la scuola di illustrazione Officina B5. Dal 1986 faccio concerti con diverse band, dal 1993 col gruppo Her Pillow (folk/rock), di cui sono fondatore. ” Quando ti sei ac

Uliviero Ulivieri

Sfumature ovattate, dove cielo e mare si compenetrano, spesso sfumando l’uno nell’altro, lungo una linea d’orizzonte che è solo sussurrata, suggerita, appena immaginabile. Uliviero Ulivieri La baia China colorata, 35x55

Pier Giovanni Staderini

Creato con la morbidezza che gli è, ormai, consona, Staderini ci presenta questa figura, espressa così plasticamente, nello studio della morbidezza della carne adottata in questo corpo vibrante. Pier Giovanni Staderini Opera raccolta dal Comune di Montelupo Deliziosa Tecnica Mista, 49x70